Borgo dell’area metapontina ricco di fascino e storia, Rocca Imperiale si contraddistingue non solo per il suo castello e le sue diverse attrazioni, ma anche per le sue tradizioni, che si traducono in suggestive festività religiose. Tra esse, la più famosa è senza dubbio quella legata al culto della Madonna della Nova, una manifestazione che si dipana lungo tre archi di tempo specifici.Ogni anno, la sacra icona della Madonna viene condotta in processione il primo sabato successivo alla Pasqua dal Santuario delle Cesine per le vie del paese, sino ad arrivare alla Chiesa Madre. Un evento imperdibile, non solo per i fedeli, ma anche per i turisti, che possono beneficiare di un clima mite (con una temperatura che si aggira attorno ai 18°), di un’atmosfera unica e delle tranquillità che permea il borgo dell’alto Ionio cosentino. Quale migliore occasione per ammirare le rondini che svolazzano in cielo, le vivaci strade di Rocca Imperiale, il soleggiato e pulito lungomare del comune?

Madonna della Nova: le tappe successive

Le festività tradizionali non finiscono certamente qui: le due tappe successive della Madonna della Nova – che viene festeggiata la domenica successiva alla sua processione lungo le strade di Rocca Imperiale – si svolgono i primi due giorni di luglio. Nell’ambito della festa patronale del borgo cosentino, infatti, l’icona viene riportata nella cappella del Santuario, dopo essere stata celebrata in paese. Una due giorni carica di eventi, che ogni anno richiama numerosi turisti provenienti da ogni parte della Nazione e non solo, che approfittano dell’occasione per godere anche del sole, del mare e dell’enogastronomia locale, con temperature gradevoli e un panorama mozzafiato.Le celebrazioni religiose si intersecano con quelle civili anche nel mese di agosto, nel periodo compreso tra il 12 del mese e la vigilia di Ferragosto. Per vivere appieno la bellezza, la cultura e i divertimenti offerti dal borgo metapontino, è consigliabile prenotare con largo anticipo un soggiorno in casa vacanza o in b&b, durante il quale vivere un’esperienza turistica a dir poco immersiva grazie al quale  diventare, seppur per poco tempo, un cittadino “doc” della meravigliosa Rocca Imperiale.